mercoledì 12 ottobre 2011

TWP - BUFFET/PM#2

Adoro i buffet anni '50/'60... anzi "mi fanno impazzire" per citare un nostro caro amico. Le sale da pranzo con tavolo ovale, 6 sedie col velluto, buffet e controbuffet, lampadario a goccia e doppia specchiera... quelle sì che mi mandano letteralmente in estasi.

Figure snelle, essenze orribili, finiture liscissime, sedute corpose. L'ideale da ricoprire sotto uno strato di fine vernice ed una bella stoffa. Sono dell'idea che una legge dello stato dovrebbe tutelarle! Vincolo totale a chi si trova la sala della nonna e della lontana zia da sgomberare.

Regolarmente sbuca l'odore di canfora, il servito col rigo dorato, i bicchieri "Napoleone", le tazzine da caffè cinesi (quando "cinese" non voleva dire cinese come lo intendiamo noi oggi), il cesto per la maglia, la grotta di Lourdes fedele riproduzione in plastica. A proposito... ve la ricordate la sala da pranzo in casa di Anna Nigiotti, nel film di Virzì "La prima cosa bella"?

Grazie a questo mio amore viscerale già conoscete le "sedie da mare"...


Foto di Giulia!

Nel bagno della percorsi musicali ho piazzato questo. Era il sotto di un'improponibile coppia base + vetrina gentilmente donatomi comprensivo di qualsiasi specie di muffa esistente sulla Terra.

Una spruzzata di questo splendido colore della Max Mayer, che sembra quel punto del mare dove si incontrano perfettamente il verde e l'azzurro (senza neanche il fondo sotto.. solo una lisciata fine fine), e un tocco di acrilico argento sulle maniglie e il fregetto.... dato con un tampax perché, in quel momento, non avevo niente di meglio per le mani!

Perfetto!... ma gli mancava qualcosa che lo completasse e sostituisse la sua oscena vetrina di origine.... la risposta arrivò la sera stessa in cui mi posi il problema, venendo via da PM... svoltai l'angolo e notai con vivo apprezzamento che qualcuno aveva abbandonato ad un muro la specchiera che vedete in foto, misura perfettamente identica alla lunghezza del nostro amato buffezino (vezzeggiativo portugues)

That's all folks! Spiacente di non potervi mostrare il prima... avrebbe senz'altro amplificato l'effetto! Al prossimo appunatmento musicale!

18 commenti:

  1. Non ho bisogno della foto del prima per immaginarmi quegli orribili mobili lucidi. E come son belli una volta ridipinti!
    Ai vari oggetti aggiungo la gondola di Venezia con le lucine, hai presente?

    RispondiElimina
  2. :D Sì ne ho viste!! Ma è prettamente nordica, non era necessariamente un must da queste parti!!

    RispondiElimina
  3. Io la trovo bellissima, il colore fa miracoli! Anch'io ricordo qualche oggetto ben stipato in questi buffet: le forchettine a spillone, con la capocchia di vari colori, per mangiare le ciliegie sotto spirito. Orribili le une,dal sapore insopportabile le seconde.

    RispondiElimina
  4. Piera, per carità, il trash del trash dei souvenir veneziani!!!;) E le vendono ancora ovviamente!!;)
    Il buffet è bellissimo, me ne servirebbe proprio uno da mettere in ingresso...mi lascerò ispirare come per il settimino eheh...

    RispondiElimina
  5. colore meraviglioso e lavoro eccellente!!

    RispondiElimina
  6. la descrizione della sala da pranzo mi ha fatto venire l'acquolina in bocca, il colore mi piace tanto da commuovermi, il ritrovamento dello specchio mi fa verde d'invidia, le mie mani stanno ancora applaudendo....però....cosa diavolo ci facevi tu con un tampax!? ;-D
    Piera, quelle gondole erano il mio sogno da piccola, insieme alle bamboline con il grambiulino con su Rialto....quasi quasi.....

    RispondiElimina
  7. Francesco, hai scritto un bellissimo post dove il tuo amore per questi pezzi sprizza da ogni singola parola. Aggiungo anche che trovi sempre il colore più giusto da abbinare. Sei davvero in gamba!

    RispondiElimina
  8. AHah! Oooh! finalmente qualcuno che me l'ha chiesto!! Eheh! (intercalo dicendo che in casa tua la trash-gondola diventerebbe icona di design)... niente, me lo son fatto prestare... "scusa hai mica un tampax?" :D .....

    RispondiElimina
  9. quando si vorrebbe essere una mosca....con una videocamera! :D

    RispondiElimina
  10. io, sono estasiata.. questo lavoro mette insieme colori, forme e linee dei miei desideri.. lo amo..

    RispondiElimina
  11. Simpatico anche il quadretto per tappare la "magagna" dello specchio, vero? ...e pure Greta dello stesso colore del mobile! :)

    RispondiElimina
  12. un genio, che dire, un genio! soprattutto nell'improvvisare improbabili strumenti di lavoro.... un tampax, mah.....
    kisses
    v

    RispondiElimina
  13. bellissima!!! Approvo la tua legge per tutelare gli oggetti anni '50-'60 e rilancio con una legge per abbattere i casermoni degli anni '70, specialmente quelli rivestiti di piastrelle verdone o marrone...

    RispondiElimina
  14. Lisa sottoscrivo in pieno la tua proposta!

    RispondiElimina
  15. Bellissimo!! Come le altre cose che fai... mi piace un sacco il tuo stile, che poi è anche un pò il mio. Si sente che ami gli oggetti con una storia... complimenti! fai un salto a vedere il mio blog, nato da poco da una passione molto simile alla tua: http://atelier-buffo.blogspot.com/ fammi sapere cosa ne pensi! bravissimo!!

    RispondiElimina
  16. Grazie! Non mancherò di visitare il tuo blog!

    RispondiElimina