giovedì 27 dicembre 2012

WOOD(EN) LETTER(S)

Quest'anno mi posso vantare di non aver speso un euro per i ragali di Natale. [E li ho fatti, ovviamente!] Ne vado particolarmente fiero, non perché sia un incallito spilorcio, ma perché sono tutti usciti dalle mie mani e non hanno consumato mezza risorsa nuova per essere prodotti

Questo che vi mostro oggi è uno tra quelli che mi hanno dato maggiore soddisfazione. Devo confessarvi, e in parte già lo sapete, che da qualche mese mi sono aperto al meraviglioso mondo dello scrapwood... che per me è molto di più di una semplice moda nell'arredare. L'idea di far nascere, esclusivamente da scarti del legno, dei pezzi unici più simili ad opere d'arte funzionali che a semplici mobili... beh... attualmente rappresenta il massimo per me!

E così era da tempo che mi attiravano quelle belle letterone free-standing che si vedono un po' ovunque in giro. L'ispirazione ultima, l'incipit, me l'ha data un post di Marielucie. E così è nata lei, in pochissimi minuti, perché proprio volevo vederla in piedi!


Perfetta per Mauro, persona che per me rappresenta proprio una bella letterona chiara e decisa, stabile e solida come i pezzi di legno da costruzione segnati dal tempo.

Do you like?

venerdì 21 dicembre 2012

How many trees are in the house?

Come promesso. Eccolo di giorno. Un po' algido. E l'avevo detto che non le so attaccare le palle! Comunque.... TRIVIAL CIJECAM! How many christmas trees are in the house?! :)



Pied de poule & co.

Sto letteralmente affogando nella muffa.... ma ne vale decisamente la pena!

Ho salvato dal macero un dozzina fra giacche e gonne dalla vestibilità improponibile. Tessuti perfetti per arredare la casa nella stagione invernale! Il problema è che le imbottiture non sono mai abbastanza!

giovedì 20 dicembre 2012

L'uselin de la comare...

 ... ci ricorda che è Natale! [penosa]



Quest'anno il Natale sembrava proprio che non volesse arrivare... ed alla fine si è concesso in una versione un po' ridotta, che onestamente preferisco. Eccovi alcune foto del work in progress. Credo tuttavia che questo albero mostri il suo lato migliore alla luce del sole... A domani quindi!


cip.

mercoledì 19 dicembre 2012

REDECORATE - Find your design way!

Ebbene sì... fra le varie cose che mi sono sfuggite in questi mesi c'è anche questa: Redecorate ha un nuovo logo, una nuova veste e nuovi progetti all'attivo! Niente che non meriti di essere svelato con la giusta atmosfera! Intanto quindi godetevi un assaggio del nuovo aspetto!


Non conosci r3decorate?! Vabbè non ci credo... in ogni caso clicca qui

martedì 18 dicembre 2012

Speaker or...?

Ah... da quanto tempo! Mi sono comprato una reflex entry level come i blogger seri (e la commessa è sicura di avermi convinto sulla resa coi soggetti in movimento). E mi hanno regalato una compatta grande come una carta di credito -e pure- con lo schermo touch! Per di più finalmente alla Nikon sono riusciti dopo 18 mesi a riparare la mia vecchia macchinetta nata difettosa.

In questo tripudio di tecnologia istantanea continuo a ripetermi: "...poi lo porto là e lo fotografo con la reflex per il blog, perfetto!". E con 'sto discorso non scatto mai niente. Oggi quindi avevo per le mani il mio splendido telefono con fotocamera da miseriamegapixel e mi son detto se proprio dobbiamo ritornare facciamolo nel peggiore dei modi!

E avendo promesso un "Ok, questo lunedì dopo il ponte* vi porto il mobile, tanto è un lavoro rapido"... *Sant'Ambrogio? Nein! Ognissanti!... beh i tempi erano decisamente maturi...


giovedì 25 ottobre 2012

Monday Color alla Andersen - Yellow!

Mondaycolor! Va bene è giovedì.. e allora?! Ringraziamo il cielo che il giallo abbia stimolato la ricerca di un paio di oggetti per casa e che io sia riuscito a stendere un telo bianco sul tavolo! Ed ecco qui la mia foto fintissima e pompatissima (per nulla alla Andersen) per celebrare l'appuntamento del mitico blog!


lunedì 22 ottobre 2012

CHAIRS! #2

Tempo di reperimento fondi... queste possono fare al caso nostro! Una sfilza di innumerevoli. Un trionfo di sedie da osteria anni... '40? '50?


giovedì 11 ottobre 2012

mercoledì 26 settembre 2012

Amabili dettagli





Sono stato male. Ma -lasciatemi compiangere- male male. E così puff dieci giorni sono spariti e altri dieci che dovevano essere puro divertimento barra godimento stanno diventando una stancante corsa contro il tempo. Ma non ci perdiamo d'animo! Ci sono gli amabili dettagli che ci circondano!




lunedì 24 settembre 2012

Ad agosto ho fatto.... (quattro punti)

Se volete andare in un locale, mangiare male ed uscirne comunque inspiegabilmente sazi ed appagati, vi consiglio di accompagnarvi ad un cinghiale patamade©


Vabbè dovete aggiungere anche la compagnia dei Patasgnaffi al gran completo ed un... boh... bar? ristorante? rigattiere? negozio vintage? ...del tutto particolare!

Partite settando il vostro navigatore su via Carducci angolo via Puccini, Marina di Pietrasanta. Fatelo se avete il mio stesso spiccato senso per la scelta sbagliata. Tutta la Versilia è un incrocio. Una simpatica modularità fatta apposta per gli angoscia-da-monotonia-tendenti come me. L'inclassificabile meta da raggiungere è il bar de Lo Studio.

Patascatto!

Si entra in un locale che sembra racchiudere in sé la mia soffitta, il bar Gambarotta, la cantina di Chianni e tutti i miei luoghi delle meraviglie... si attraversa nella sua lunghezza e ci si trova in una cucina... si esce nuovamente e ci si piazza intorno ad un tavolino di recupero dall'altezza decisamente sbagliata per il tipo di sedia. Semplicemente stupendo.

La ragazza che lo gestisce passa senz'altro più tempo con te al tavolo a parlare che in cucina a prepararti la cena. Il proprietario invece ti confessa che lui quel lavoro (gestire un bar dove si mangia) proprio non lo sa fare. Non lo sa fare in maniera sublime, lo devo proprio ammettere! :)

Patascatti

venerdì 14 settembre 2012

UNDER CONSTRUCTION!

Lo ripeterò all'infinito e non ne sarò mai sazio! Dare fondo a decenni di accumuli di legni/viti/zampette et similia è una soddisfazione indescrivibile! Questa cassettiera poi... vi capita mai di voler abbracciare le cose?! :) Un piccolo anticipo...


giovedì 13 settembre 2012

Ad agosto ho fatto... (tre punti)

Ad agosto sono passato attraverso infiniti stati di disordine. Che poi altro non è che la storia della mia vita. Spostare, muovere, riallocare e non arrivare mai a mettere un punto. Non so se sono giunto a maledire particolari momenti, non ricordo se e quando ho perso il buonumore (era meglio se c'era il se)... l'importante è che abbia avuto la lucidità di fare almeno un paio di scatti!


mercoledì 12 settembre 2012

Ad agosto ho fatto.. (due punti)

Ad agosto mi sono steso su un masso gela-schiena, quando il termometro dell'auto aveva segnato poco prima 38 gradi; accanto a me due persone che amo e sopra di me l'unica cosa che mi rilassa con un'infallibilità prossima al 99% :


martedì 11 settembre 2012

Ad agosto ho fatto.

Madrededios! Mi impongo di non parlare del tempo atmosferico, del tempo che fugge, del tempo ciclico e del tempo che non basta mai. Sul primo devo fare un grande sforzo, perché io adoro un sacco parlare del tempo, sul secondo no, perché mi bastano le ansie che ho. Il terzo forse forse mi piace e per il quarto odio chi sta sempre a rimarcare di non aver abbastanza tempo... mi sembra una gran giustificazione e basta!

Così ho parlato del tempo, ho fatto un'inutile cappello e ho volutamente lasciato tutte le ripetizioni. Ad agosto ho fatto. Ad agosto non sono andato in vacanza, ad agosto non sono andato al mare (tranne al passaggio di uno di quei nomi malefici... va'.. sto parlando del tempo), ad agosto forse mi sono preso cura del mio fisico.. credo di ricordare bene.

E poi mi sa che mi sono un po' angosciato al pensiero delle cose che mi aspettavano a settembre e ho pure deciso un po' di cose che avrei fatto ad ottobre. Quindi ho passato agosto a non fare cose da agosto, in compenso ho pensato a cose che avrei dovuto fare a settembre. E adesso che è settembre mi sforzo di ricordare quel che ho fatto ad agosto. Secondo me c'è una di quelle frasi-aforisma sempre valide, pronunciate dal Dalai Lama o simili, che sto sovvertendo totalmente...

Comunque non siamo qui per me. Il 3 agosto ho fatto:


ne avevo voglia.. che ci vogliamo fare? No sul serio.. che ci vogliamo fare? Periodicamente mi prendono di ste voglie, forse ve ne avrò anche già raccontate... ho trovato un'anta dell'armadio piena di canovacci da cucina trasformati in cuscini... che ci faccio?

mercoledì 25 luglio 2012

TWP - La Vecchia Signora

Essendo che io, quando dico, "Agosto sarà un mese di duro lavoro, la prossima settimana me la prendo di ferie!", rigorosamente l'universo mi si avversa contro, e più che ci credo mentre lo dico, più che mi si avversa, questa prossimasettimana me la sono goduta da una prospettiva tutta speciale e solitamente inesplorata: il letto. Giorno e notte. Senza distinzione tra l'uno e l'altra.

E cosa poteva fare un trentenne del 2012 a letto in piena estate? R. Farsi impossessare dallo spirito-della-vecchia-signora. Così quando il cosmo mi ha concesso un seduto-sul-letto ho deciso (pardon, lo-spirito ha deciso) di portare a termine una delle tante incompiute abbozzate lì dall'alba dei tempi.


L'idea nasce (a parte dalle milioni di immagini viste sul web e dalle mille persone ispiratrici che vi ho già presentato) da questa macchia rossa che vedete in questa foto mal ritoccata scattata in un ambiente che è nei fatti quello che appare: una sinistra caverna. La macchia rossa è un.. boh.. centrino? Chiamiamolo frutto della noia di una giornata uguale a se stessa e a tante altre in quel di Gambarotta in un anno fra gli enta e gli anta anni fa. E per alimentare il disgusting-mood devo ancora, per onore di cronaca, mettervi a conoscenza della traccia biologica che faceva da non-decoro (neanche a volercelo vedere alla Piero Manzoni) fra le maglie della lana.


Comunque, per farla breve, ho preso uno dei famosi lenzuoloni bianchi da corredo del secolo scorso, smacchinato, appuntato il di cui sopra e imbottito. E ora c'è anche lui (...e non ci faccio nulla!)

lunedì 23 luglio 2012

LML- Monterotondo #3

Mi chiedono celerità e stringatezza... vediamo di venire a capo di questa Storia, ma non prometto nulla.

Eravamo fermi sulla porta, giusto?... con il sottoscritto che stava vagamente facendo la figura del matto... Ora non ricordo bene quale fu l'approccio, quali le parole (vabbè "buonasera" senz'altro, in fondo non siam mica a raccontare un incontro ravvicinato del terzo tipo), ma ricordo che la signora dette al mio entusiasmo l'interpretazione più naturale per lei in quel momento "Lei cosa fa... è un fotografo? Questi scatti sono..." ma la sua voce si perdeva nel percorso verso le mie orecchie, concentrato com'ero a trovare un modo per presentarmi "No in realtà sono molto più interessato al luogo che ospita queste foto"... secco con sorriso (un più per il tatto).

Rieccolo. Quello sguardo di... boh.. se dico gelida sorpresa mi capite? Stupore/diffidenza.. non so... Ma in sostanza mi dissi un sonoro "Cretino!"... per quel che ne sapevo potevo avere davanti la curatrice, ideatrice, progenitrice della mostra ed io avevo stroncato sul nascere la narrazione sulla passione più grande della sua vita. In realtà, fortunatamente, ed è bene che lo dica subito, ad un anno di distanza da quell'incontro (ed ora che soprattutto ne sono seguiti altri) posso tranquillamente affermare di aver riletto altre volte, anzi più e più volte, se non tutte le volte quello sguardo negli occhi cerulei della signora. Quindi la mia uscita non fu fuoriluogo... se non nei limiti delle regole di una garbata conversazione.


Forse a questo punto è bene che mi fermi dal raccontare per scene tutti i passi che mi hanno portato a conoscere l'Associazione Culturale Osservatorio di Monterotondo, perché toglierei importanza all'operato della stessa, confondendola tra i miei deliri.

Questo fu un primo incontro. In quell'occasione potei informare la signora di aver conosciuto la Cappella dal pugno di un uomo che l'aveva vissuta un mezzo secolo prima e che stavo lavorando per poter far parlare nuovamente a più persone possibili quei racconti. Lì venni a conoscenza dell'esistenza di una giovane architetto che stava portando avanti da anni un lavoro ben più degno di essere chiamato tale del mio, perché con i suoi studi stava ridando vita al percorso secolare che aveva preceduto i miseri cinquant'anni che avevo tanto a cuore.

Da lì poi, come una serie di pacchi da scartare, scoprii che proprio a un passo da casa mia esisteva un mondo nel quale mi sentivo perfettamente a mio agio. Un gruppo di persone nei cui intenti riconoscevo tanti dei miei. Persone che erano state disposte a sacrificare giorni, soldi, ore di sonno... in cambio della gratificazione di aver annullato i segni del tempo e dell'indifferenza non tanto su delle mura o su dei marmi, quanto su un patrimonio tanto intangibile quanto infinitamente prezioso.


Sic est... non divago oltre. Vi invito a prendere visione del sito, a ritagliarvi il tempo per passare in Cappella il martedì pomeriggio. Vi informerò sui futuri eventi. Voglio un sentito grazie per essermi limitato, perché mi stavo proprio divertendo a trasformare questa storia nella lunga vita di Marianna Ucrìa.

domenica 22 luglio 2012

La domenica al Bar Gambarotta#2

Vi ricordate?

Con un approccio romantico, il bar Gambarotta potrebbe raccontare dell'ardore e della lungimiranza di una famiglia... ma forse anche un po' della sua avidità... o magari potrebbe solamente essere storia di un'esclusione dalla propria comunità dettata da chissà quali motivi ormai sepolti dal tempo... oppure ancora potrebbe testimoniare semplice voglia di riscatto...

Nel dubbio diciamo allora che il Bar Gambarotta è mero cambiamento, dettato soprattutto dal coraggio di pochi montanari che negli anni '30 del novecento, di ritorno dall'Australia, posero il loro avamposto giù, lungo la provinciale che si stende nel suo tratto dolce fra Piazza al Serchio e Sillano, proprio ad un passo dalla curva a gomito prima del ponte che passa sopra al fiume.



Siamo là dove i monti garfagnini oggi cominciano ad essere decisamente sperduti, dove già si respira l'aria delle vette emiliane, e dove allora invece si era già così spersi e chiusi da trovarsi di fatto in un mondo ben definito nei suoi confini. Terra di pastori di pecore, terra di transumanza, di caldo a tratti asfissiante in estate, di umido persistente in autunno e di freddo penetrante in inverno. Terra di sporadiche nevicate, terra di boschi di castagno, di acqua e di terremoti violenti. Una terra, insomma, unica padrona della gente che per secoli l'ha abitata.

Questa terra racconta ancora oggi, ai pochi fortunati che come me ne riscoprono lembi nascosti sotto decenni di polvere, le fortune e i dolori, le soddisfazioni e gli asti, le astuzie e le villanie di famiglie come quella di Giuseppe Dante, nelle quali si perde a ritroso tra le generazioni il momento in cui mariti e mogli cominciarono a portare lo stesso cognome anche prima di sposarsi.



giovedì 19 luglio 2012

New gadget on cijecam re-design!

Da oggi fino ad ottobre avrete la grande opportunità di cliccare su questo bottone nella colonna di destra del mio blog per accedere direttamente alla pagina del 6° Censimento dei Luoghi del Cuore del FAI, Fondo Ambiente Italiano e contribuire alla continuazione di una delle tante Storie che ci appassionano!


Mi raccomando..... fate ammodino ;)

mercoledì 18 luglio 2012

TWP - Finalmente! E 1...

Accumuli una vita senza sapere il perché. Conservi di tutto, ti mantieni forte per non valicare quel sottile confine che segna l'inizio della patologia... ogni tanto ti scoraggi e cedi al downshifting. Poi arrivano momenti come questi, in cui Costanza e Federico (il grafico, fra le altre cose, del blog Family Tester di CasaFacile) danno senso e compimento a questa ricerca di anni.

La loro splendida casa [segue... ] necessitava di un mobile per l'ingresso. Costanza e Federico, che avevano le idee più che chiare su quello che stavano cercando, mi girarono questa splendida board di pinterest. La aprii e fu il catartico momento rivelatore: adesso mi spiegavo perché, quando demolimmo il pollaio (35 metri quadri di pollaio!), decisi che avrei dovuto accatastare in un campo tutta la legna derivata... ("prima o poi potrebbe servire").


Cominciarono così una serie di giornate di selezione e catalogazione del materiale, anche nella speranza (insoddisfatta) di rinverdire il settore "da bruciare". Presi con me una rappresentanza del "lo salvo" e cominciai, scrutandola, a pensare. Con una board e con della legna così fu subito chiara una cosa: non potevo fare un solo mobile. Questo pezzo è perfetto per questo, ma con questo viene benissimo quest'altro. E così identificai 4 assi di legno, le più divorate dal tempo e da chissà quali coleotteri, e carta e penna alla mano iniziai a costruirci un mobile intorno.

Il risultato, non so, mi lasciò un po' così... era forse troppo grezzo? Il dubbio durò il tempo di un lampo. L'entusiasmo dei futuri proprietari fugò ogni incertezza. Ma poi vogliamo parlare della soddisfazione di aver dato fondo a tutte quelle viti/vitine/bullette meticolosamente conservate? Alle zampe di due tipi, ciascuna con la sua storia da raccontare? All'aver progettato in modo che quel pezzo di legno conservasse anche la cerniera rugginosa che aveva inchiodata? Insomma... voi cosa mi dite?








 



lunedì 16 luglio 2012

LML - Monterotondo #2

Passarono gli anni, dicevo, fino a quando questo luogo non ci mise lo zampino: strana ironia nel suo fare da tramite! Fu forse una sorta di riscatto: la sua nascita, di fatto, aveva decretato la morte della sua centenaria parente e dopo 40 anni evidentemente ancora non se lo perdonava.

Cerco di farvi capire: ormai conoscete la mia passione per le storie che sanno raccontare certi luoghi ed oggetti e sapete come non posso fare a meno di immergermi completamente in ogni singolo pezzo di carta ingiallito. Una contingenza di eventi mi fece il regalo di avere per le mani tutta la storia (breve ma intensa), segnata lì, su carta e muffa della chiesa di Collinaia. Appresi il ruolo fondamentale, l'impulso generatore di tutto il percorso, che ebbe la Cappella di Scafurno e decisi di farvi nuovamente un salto, dopo qualche anno, un po' come tributo, un po' per rubarle qualche scatto.


Galeotta fu la macchina fotografica. Quel giorno, per la prima volta, il cancello in ferro ed il portone in legno della piccola chiesa erano aperti! Al suo interno una mostra di immagini di Berlino e sulla porta una signora garbata e tremendamente coinvolta in quello che stava facendo. Tutt'uno con gli intonaci, gli infissi, i marmi, si faceva con la sua presenza come braccio animato per la Cappella e cercava di accogliere e coinvolgere i passanti. Non era un chiamare con la voce, non era un intercettare. Era più un far sentire la sua traboccante voglia di condividere con gli altri tutto ciò che di positivo aveva scaturito in lei l'incontro con quel luogo.

Mi avvicinai con un sorriso stampato sul volto ed un'espressione che non so tradurre in parole, come se finalmente dopo 40 anni avessi nuovamente incontrato un lontano parente che aveva trascorso la sua vita in una località irraggiungibile. Con gli occhi mi guardavo intorno come se cercassi nei dettagli dei ricordi da ripescare nella mia memoria. Di fatto però con il parente in questione io non avevo mai dialogato prima di allora, ed imputai a questo mio strano atteggiamento quella sorta di espressione di diffidente sorpresa (ma forse vorrei dire di vagamente preoccupato stupore) che subito lessi nello sguardo della signora sulla porta.


... e siccome l'estate è tempo di racconti sotto l'ombrellone... 

mercoledì 11 luglio 2012

T-month!-P - Fascicolo Cijecam

Piccola variante: this MONTH project! Vi avevo anticipato che c'erano in ballo grandi cose! E così oggi mi sono ritrovato per le mani un Fascicolo Cijecam re-design che fortunatamente non è stato aperto da qualche Procura! :)


E -nota a margine- odio questo nuovo font del titolo automaticamente impostomi da blogger.

lunedì 9 luglio 2012

LML - Di luoghi, passioni e incontri: l'Associazione Culturale Osservatorio di Monterotondo #1

Ieri sera sono stato ad un concerto di fiati. Beh... sì, credo si chiamino così: c'erano tre trombe ed un trombone. Tre ragazzi ed un'insegnante del Conservatorio "G. Frescobaldi di Ferrara. Il "Ballo del Granduca" mi ha così piacevolmente sorpreso! Da totale profano del genere mi aspettavo qualcosa di difficilmente comprensibile. Ed invece un trasporto ed una godibilità unica! L'ennesima testimonianza che quando la passione che anima le persone è traboccante, beh, non c'è sordo che non riesca a sentire.

L'occasione e questo breve preambolo mi servono da cappello per introdurre delle persone ed un luogo eccezionali che hanno fatto da cornice a questo evento: l'Associazione Culturale Osservatorio di Monterotondo e la sua splendida "casa", la Cappella Calamai di Monterotondo. Delle persone ed un luogo che senz'ombra di dubbio esistono le une in funzione dell'altro: l'Associazione nasce ed esiste da un impulso che trova vigore nella Cappella e la Cappella è sopravvissuta e vive grazie al respiro dell'Associazione.
Incontrai la Cappella di Monterotondo Scafurno direi per caso, un giorno, di passaggio su una strada per la quale è impossibile essere di passaggio. La incontrai come un miraggio, bella e restaurata, proiettata in un contesto tanto eccezionale quanto degradato che è la tenuta Maurogordato, una emergenza storica testimone del bellissimo passato della città di Livorno, trasformata oggi in una mera emergenza punto.

Com'era possibile che nella mia città qualcuno investisse in un luogo completamente sventrato, svilito e ucciso da decenni di volgarità ed incuria? La domanda rimase lì, aperta, perché il caso aveva deciso che non era quello il momento per trovare risposta. Passai altre volte ma la porta era sempre chiusa e la Cappella pareva inanimata. L'ipotesi che l'edificio fosse stato proiettato lì da qualcuno di esterno che sperava di far breccia nell'indifferenza dei passanti prendeva sempre più piede (c'è chi lancia un sassolino e chi lancia una Cappella settecentesca).

Passarono gli anni (e per voi che mi leggete un'altra settimana... il tempo è tiranno...a lunedì prossimo!)

domenica 8 luglio 2012

ALLA FACCIA DEL VINTAGE


ADORABILE!
Alla faccia di Padre Pio cangiante che diventa Cristo-e-la-Madonna! E posso anche vantare una Madonna di Locarno che si illumina al buio e una grotta di Lourdes in plastica con carillon dell'Ave Maria incorporato!